Tags

No tags :(

34-rr_deleva-moriero

Relazione a 4 mani come un concerto al pianoforte

UN SOLO BATTITO…

Un Raduno Regionale non si improvvisa: “lo si organizza con amore, con passione, con meticolosità, cominciando mesi prima…“ iniziava così anche un resoconto di 15 anni fa..… (di Luigi Petagna). Ci si mette d’impegno affinché tutto vada per il meglio e tutti i partecipanti serbino, per sempre, un bel ricordo di una giornata vissuta con tanti amici della stessa fede, per cui ritrovarsi è sempre la stessa gioia, intima e collettiva.

D’altronde le cifre parlano chiaro: 34° raduno, 235 partecipanti (di cui 62 “Area Agriturismo” e 173 “Area Picnic), 1 Ospite d’Onore (Francesco “Kekko” Moriero”), 2 giornalisti (Luca Carmignani e Luca Tronchetti), 3 squadre di mini-torneo di calcetto (Inter Club Benevento, Inter Club Pesco Sannita, Coordinamento Campano), 1 arbitro (Antonio di Meglio), 1 animatore ufficiale (Gabriele Salomone), 1 fotografa ufficiale (Stefania Cristiano), 1 Addetta Ufficiale Merchandising (Federica Romano), 3 animatrici per gli Juniores, 27 delegazioni-rappresentanze di Inter Club (Acerra, Arzano, Avellino, Battipaglia, Benevento, Capri, Caserta, Casoria, Castellammare di Stabia, Cava Nerazzurra, Cerreto Sannita, Giugliano Nerazzurra, Ischia, Montella, Montesarchio-Valle Caudina, Napoli, Nocera Inferiore, Nola Nerazzurra, Pesco Sannita, Ottaviano, Piedimonte Matese, Pontecagnano, Portici, Salerno “Passione Nerazzurra”, Solofra, Torre del Greco, Vallesaccarda).

Questo, in cifre, il 34° Raduno Regionale organizzato sabato 1° giugno 2019 dal Coordinamento Campano Inter Club, con la stretta e proficua collaborazione degli Inter Club della Provincia di Benevento, presso lo Sporting Club di Grassano a San Salvatore Telesino.

Cosa c’era da festeggiare? Nulla, proprio nulla ma l’Inter siamo noi: noi e le nostre notti insonni, noi e le nostre discussioni al bar, in ufficio, a casa, noi e i nostri batticuori, i nostri attacchi di fegato, le nostre alterazioni sanguigne.

Visti i risultati della Beneamata, c’è da festeggiare il valore più gratificante che è il rispetto delle persone che sfocia nell’Amicizia!

“Un solo battito…” è, infatti, lo slogan scelto per questo 34° raduno.

Certo, l’Associazionismo Nerazzurro è notevolmente cambiato rispetto a soli 10/20 anni fa; l’avvento della pay-tv ha modificato la “vita sociale”, sostituendo programmi radiofonici come “Tutto il calcio minuto per minuto”, storica trasmissione radiofonica della RAI.

Ma, parafrasando il romanista Antonello Venditti, “c’è ancora un gruppo di amici che non si arrendono mai”: sono quelli che, veramente, gradiscono i raduni e le riunioni regionali, per la bellezza di stare insieme, di confrontarsi, di ridere e scherzare nel nome della Beneamata. Atmosfera da “gita fuori-porta”, con un piccolo ruscello a bagnare l’area, con fornacelle accese con carne di ogni tipo, timballi in bianco o al sugo, salumi di ogni tipo, vino, frutta a volontà, latticini di ogni genere.

Ma, oltre all’aspetto sportivo, ludico e culinario, c’è stato anche quello culturale con la presentazione del libro “Kekko, passa la palla…” di Luca Carmignani e Luca Tronchetti su Francesco “Kekko” Moriero, intervistati da Emilio Vittozzi, in maniera davvero magistrale, con al termine la vendita autografata di tante copie, alcune anche in edizione speciale (copertina cartonata e numerata) Emilio Vittozzi

Grazie a tutti, veramente di Cuore, anzi, dal più profondo del Cuore…… Noi non abbiamo bisogno di grandi nomi, grandi numeri, grandi effetti, grande caos, grandi scenografie né di realtà virtuali…. Amiamo incontrarci, abbracciarci e stringerci la mano, guardarci negli occhi e leggervi leggerezza e serenità, in un giorno da vivere in libertà e senza formalismi. Lo avevo scritto da qualche parte…"saremo più forti del maltempo" e così è stato… Al di là di ogni previsione anche il meteo è stato clemente con noi. C'era spazio per tutti dai 4 euro dell'area pic-nic ai 30 dell'area agriturismo e abbiamo condiviso pane e casatielli, pasta e mozzarelle, formaggi e carne alla brace, sorrisi e canzuncelle… Chi non c'era o davvero non poteva neanche rappresentare il proprio Inter Club oppure non avverte il nostro stesso sentire oppure gli interessa solo lo stadio, la partita, il proprio ristretto contesto……. Ma l'Inter va oltre tutto questo, perché noi siamo Fratelli del Mondo senza suprematismi né vana esaltazione. 
—–
Adriana De Leva ed Emilio Vittozzi