Tags

No tags :(

emilio-vittozzi-bn-artPer la terza volta ho l'onore e il piacere di condurre un incontro con Gianfelice Facchetti, attore e scrittore, figlio dell'indimenticato Giacinto, emblema dell'Inter Euro-Mondiale e della Nazionale Italiana di Calcio. 

Questa volta l'occasione è data dalla sua ultima fatica libraria, "INTER 110 anni di Storia" che la coordinatrice regionale ha scelto di presentare nell'accogliente ed ospitale Città di Solofra che si avvale di un gioiello della fine del XVI sec. quale il  Palazzo Orsini con la sua sala  maggiore. 

In un contesto nazionale dove c'è una gravissima carenza di "memoria storica", parlare dell'unica squadra di calcio italiana mai retrocessa, dalla fondazione ad oggi, con l'autore di una (quasi) enciclopedia, è cosa che mi riempie il cuore di emozione e preoccupazione.

Ho letto l'opera con estrema attenzione, appuntandomi le notizie che, a parer mio, potrebbero interessare la platea dei presenti (l'invito è rivolto agli iscritti degli Inter Club della Campania ma ben accolto sarà qualsiasi rispettoso tifoso)

Durante i festeggiamenti per il Centenario dell'Inter Football Club allo Stadio "San Siro" Gianfelice emozionò i tantissimi presenti con un suo monologo; da allora son passati 10 anni… e in questo periodo l'Inter ha vinto in Italia, in Europa, nel mondo! 

Io sono onoratissimo della scelta della mia persona, fatta dal Coordinamento Campano degli Inter Club, perché sono convinto che non si può parlare del presente, nè del futuro se non si conosce il passato: 

Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo? 

Queste domande andrebbero fatte in ogni realtà associativa (partito, sindacato, chiesa, ecc. ecc…) per "sapere", essere a conoscenza di ciò che è stato, di ciò che è e di ciò che sarà…

Zenga, Bergomi, Facchetti, Oriali, Samuel, Cambiasso, Et'ò, Mazzola, Boninsegna, Matthaus e Rummenigge è la mia Inter "dei Sogni"… 

Se non conoscessi la storia della Beneamata come potrei stilare un'ipotetica formazione?E tu, caro lettore che mi leggi, quale squadra schiereresti? 

Emilio Vittozzi