Tags

No tags :(

Relaz30RR-02062015_05Caianello (Ce), 02 giugno 2015 – Durante il trascorso anno sociale, ho trascurato di inviare relazioni delle riunioni, scoraggiata dal perpetuarsi dell’abitudine di quanti, spesso assenti, ad eventi ed incontri, non leggono con precisa periodicità le mail, le relazioni e i comunicati e mi ritrovo continuamente a dare informazioni via mail, telefono, WhatsApp e chat di Facebook che ormai imperversano come uniche forme di comunicazione Troppi evitano l’applicazione nel leggere e ragionare sulle notizie inviate dalla Coordinatrice e/o dal Coordinamento Nazionale, c’è come una pigrizia di base che fa pensare …”inutile leggere, quando devo sapere qualcosa uso telefono, invio sms, WhatsApp ecc. ecc.”

Spero che stavolta concentrando tutto (o quasi) in circa 3 pagine possiate tutti dedicare i 15 minuti che occorrono per leggere. 

-L’anno sociale del Coordinamento si è aperto con la prima riunione ed il concomitante gemellaggio tra I.C. Baronia e I.C. Solofra (che festeggiavano il 25° ed il 10° anniversario) con 36 club presenti su 54 (oggi 50) e la visita di Nicola Ranieri, direttore del C.C.I. C.

-A Cava de Tirreni il 7 dicembre per la 2.a riunione annuale, 34 i club presenti, qui i club hanno potuto anche ritirare i kit della dotazione…. Kit che quest’anno hanno creato problemi come mai in precedenza, cappellini in 3 misure diverse ma senza stringhetta posteriore, K-way spesso difettati ed esauritisi subito nella misura XXXL inviata in numero ridotto, ma vogliamo anche dire che i club che non hanno inserito le taglie come era stato richiesto sono “colpevoli” in parte di questa situazione?  Danneggiando anche gli altri ovviamente…. i database di molti, a volte, sono davvero una cosa inguardabile, mancano mail, numeri telefonici e spesso non vengono aggiornati.  Tornando alla dotazione kit di quest’anno gli junior divisi in due fasce d’età hanno costituito davvero cose partorite chissà come e perché, con una fascia dai 14 a 18 anni discriminata. Ricordiamo anche i miniballs per gli junior arrivati non contemporaneamente all’altro materiale e creando un surplus di lavoro, spostamenti e spedizioni (quindi spese). Con grande gioia personale e che penso sia anche vostra, la notizia che l’anno prossimo ci sarà un unico gadget per tutti: sciarpa (grandi e piccoli) è motivo di indicibile sollievo e serenità.  

-Al 40/ennale dell’I.C. Napoli tenutosi il 7 marzo, 36 i club presenti ma con una partecipazione di circa 200 presenti di cui una cinquantina di iscritti del club ospitante.
 
Un sentito grazie va a tutti coloro che quest’anno hanno ospitato le riunioni regionali: Baronia e Solofra, Cava Nerazzurra e Napoli. Forse proprio queste riunioni intercalatesi con una cadenza trimestrale hanno fatto temere, me e gli organizzatori, circa la presenza  per il Raduno giunto quest’anno alla 30.a edizione, penso che nessun Coordinamento può vantarne altrettanti,  fortunatamente siamo arrivati come sempre alla quota di un centinaio  di presenze in rappresentanza di 27/50 club, il che non è affatto poco. E’ stato un anno stancante per me e per voi, riunioni sempre molto affollate e coinvolgenti. C’è stato un momento, pochi giorni fa, in cui avevo deciso che questo sarebbe stato l’ultimo Raduno.  In 30 edizioni non abbiamo mai avuto un ospite “clou”, se si escludono ovviamente rappresentanti del CCIC che comunque mancano ormai da 5 anni. Ma non voglio porre limiti alla provvidenza e quindi ritorno su questa decisione, vi annuncio però che l’anno prossimo cercherò di farvi riposare, organizzando riunioni provinciali con largo anticipo, in maniera tale che tutti potrete organizzarvi per tempo ed inviare una vostra rappresentanza.
 
In quelle occasioni sarà consegnato il kit ai club presenti. Avete capito/letto bene: Ai club presenti… Lo slogan di quest’anno è VIVERE IL CLUB ….alcuni club dovranno costringersi a… VIVERE IL COORDINAMENTO e con esso anche le incombenze di un Interclub…. aggiornare il database ed ottemperare a tutto quanto è riportato nel regolamento, pochissimi club quest’anno mi hanno consegnato schede dei nuovi soci… purtroppo anche il Centro è carente in questo, devo dirlo, perché è inutile stabilire regole se poi non si è in grado di farle rispettare. 

Come ci ha detto e scritto a volte Emilio Vittozzi nei nostri club si possono organizzare oltre alle trasferte, tornei di calcio, calcetto, carte, calciobalilla, scacchi, dama, mostre di pittura, scultura, fotografia, donazioni di sangue, momenti spirituali, gite fuori-porta, visite ad ospedali, ospizi, orfanatrofi, case di riposo, proiezioni di film con cineforum, serate danzanti, presentazioni libri, cene, pranzi e via dicendo… Se non si è in grado di organizzare nessuna di queste cose in una stagione in cui la squadra non fa risultato, il club muore…. non troviamo scuse sul difficile momento economico (si investono soldi per scommesse e fantacalcio perché no per il Club ??) o sul pessimo periodo  della squadra  o sul “se non ci sono io non viene nessuno” bisogna avere salute, passione e tempo….. questo lo ripeto sempre perché lo diceva un direttore del CCIC di qualche anno fa… salute perché è stressante, passione perché senza passione non si realizza nulla, tempo perché di tempo da perderne ce n’è tanto e spesso il tempo speso non si rapporta ai risultati, ma qualche risultato lo si ottiene sempre. Lo ripeto….se non avete queste prerogative… fate del bene al vostro club, passate la mano…. Meglio troncare che perseverare nell’agonia…. come nei grandi amori.

E’ stato un anno di anniversari in cui risaltano quello di Napoli per il 40°, club premiato anche sul campo insieme a Torre Annunziata e Torre del Greco in occasione dell’ultimo derby a Milano. Si è svolto anche il 30ennale dell’Inter club Castellammare dove erano presenti 11 Inter Club. Ed infine Portici, 5 anni, uno dei nostri club “bambini” che vanno rispettati, ammirati e considerati nel loro persistere nonostante tante difficoltà dei tempi che viviamo…. dove è difficile aggregarsi se non virtualmente. Vorrei ancora una volta ricordarvi una regola che non sarebbe nemmeno il caso di citare periodicamente: il ringraziamento… ringraziare quando si riceve un invito e si è costretti a declinare deve essere sentito quale un obbligo.

Avete un segretario? Un addetto alle relazioni esterne? Un addetto alla gestione della posta elettronica? Controllate che “lavori”.

Il Coordinamento quest’anno ha usufruito dell’Ospitalità in tribuna ad inizio stagione in occasione di Inter Cagliari, ne hanno usufruito Castellammare, Torre del Greco, Baronia Vallesaccarda), Solofra, Napoli, Giugliano, Torre Annunziata. Abbiamo usufruito anche dell’ospitalità B. Non abbiamo usufruito dell’Ospitalità ad Appiano e non sappiamo se l’anno prossimo avremo il Wivi L’inter o se invece si recupereranno quelli sospesi inspiegabilmente quest’anno, non abbiamo avuto notizie in merito, sembra che fosse il precedente allenatore a non gradire questa pratica.

Si sono svolte quest’anno due riunioni nazionali dei coordinatori a Milano, una ad ottobre, la seconda a chiusura di stagione ma per motivi familiari non ho potuto partecipare all’ultima, oltretutto queste riunioni si svolgono senza possibilità di dibattito. 

Al Raduno sarà proiettata la presentazione della seconda riunione nazionale, quella del 16 maggio, dove sono compresi anche i “numeri” del Coordinamento Nazionale della stagione conclusasi. 

La Campania chiude con 3513 [ S ] + 448 [ J ], Totale = 4961 Soci -446 soci totali (di cui 72 junior) rispetto allo scorso anno;

i club che non hanno rinnovato sono stati: 
Apice, Boscoreale, Pozzuoli, Ischia & Procida, Montesarchio, Mignano M/L, Sarno, ben 7 club che giustificano il “passivo” anche se abbiamo avuto 3 nuovi club: Caivano, Avella e Pontecagnano. Ma a livello Nazionale ci difendiamo bene, rappresentiamo il 4,16 del totale e veniamo superati solo, a parte che dalla Lombardia ed Estero, dall’Abruzzo, Veneto, Puglia e Marche. Praticamente soltanto da 2+4 coordinamenti, ne superiamo però ben 13 (di cui alcuni un tempo erano roccaforti del tifo organizzato) e di questo non posso che ringraziare voi, che perseverate in questo amore ed attaccamento spesso malamente ricambiato. 

Un accenno bisogna farlo ora sulle tessere club: non vengono consegnate con tempestività perché occorre ritirarle di persona, alcune non vengono stampate, alcune vanno perse … ribadisco che la responsabilità è di chi con superficialità si occupa di questo in ogni club. Sbaglia il Centro non facendo firmare un riscontro di quel che consegna/riceve, sbaglia il club che non controlla quanto riceve distribuendo le tessere senza riscontro… poi a fine anno ci si ricorda di tessere mancanti ed iniziano le lamentele……. imparate a fare il riscontro di quanto ricevete e vedrete che le cose andranno meglio e non perderete la testa.

Il Coordinamento ha organizzato diverse trasferte, ma c’è ancora una volta da aprire un discorso sulle trasferte. A questo Coordinamento fa molto piacere che i club organizzino in proprio o in collaborazione con altri club trasferte in pullman. Quello che non va bene è il non seguire delle regole etiche. Occorre subito fissare una quota ed un tetto minimo di partecipanti aggiornando anche quotidianamente su FB l’andamento delle prenotazioni, senza barare o fare pubblicità ingannevole, del tipo ”siamo quasi al completo” “ancora pochi posti”… questo non va, non deve continuare, non può esistere….  Non si può rischiare di dirottare richiedenti su pullman sui quali si ritrovano con prezzi diversi da quelli fissati solo perché non si è raggiunto il numero minimo.  Per ora è accaduto poche volte…. figuriamoci se dovessimo affrontare un’annata esaltante e piena di partite importanti, occorre ordine ed organizzazione. Tra i miei compiti rientra anche quello che coordinare le trasferte. Chi si sente spirito libero non deve fare altro che adeguarsi.  Sbagliato anche vestirsi della veste del benefattore dei poveri interisti sbandati …. accogliendo tutto e tutti, iscritti e non iscritti, si danneggiano gli altri club. Diverso il caso di un parente o amico “presentato” da un socio, ma devono essere casi isolati non la regola!

Su questo punto durante la riunione la coordinatrice ha potuto ben chiarire il suo punto di vista anche con Raffaello Consalvo presidente dell’IC Cardito, che con la richiesta di un solo biglietto ha a volte organizzato anche 2 pullman (potendo invece contare su solo 50 soci) ed ha richiesto a lui come a tutti che vengano sempre rispettate le regole etiche che questo coordinamento ha sempre vantato. La Coordinatrice ha anche fatto capire esplicitamente che c’è una generazione di giovani che ella non trascura affatto, nella speranza che chi ha le capacità possa perpetuare quei principi e quei valori che hanno sempre distinto il Coordinamento Campano: organizzazione, correttezza, rispetto degli iscritti ai club prima di tutto.

E concludiamo con il bilancio il cui rendiconto finale verrà preparato dopo il Raduno con le relative spese: il discorso bilancio è stato già affrontato durante la riunione di Napoli senza portare ad alcuna decisione.

Come molti di voi sanno dal 1992 al 2010 il coordinamento affrontava le spese caricando la richiesta biglietti di qualsiasi partita, prima con 1000 lire poi con 1 euro, dal 2010 si decise di non caricare più i biglietti delle partite non di cartello e di applicare il 5% in più solo sulle richieste di cartello. Fino al 2010 le spese venivano forfettariamente calcolate in 30,00 € mensili, dopo il 2010 vengono specificate, calcolate e trattenute con maggior precisione (spostamenti, spese postali, eventi ecc.).

Quest’anno il coordinamento non ha applicato alcun sovraccarico per nessuna partita (tranne Lazio-Inter), stanti le tante lamentele per l’aumento prezzi, quindi, come al solito, le entrate provengono soltanto dai pullman organizzati dal coordinamento stesso.

E’ una situazione questa che si perpetua da anni e che non può più proseguire, in quanto a sovvenzionare il coordinamento sono solo coloro che richiedono biglietti o usufruiscono del pullman del coordinamento. Pertanto come proposto nella 3.a Riunione Regionale dal prossimo anno il Coordinamento richiederà 1 euro di partecipazione per ogni socio senior e null’altro. Continuando a rendicontare le spese come sempre (i bilanci degli ultimi anni sono visibili sul sito del coordinamento www.clubcampani.it ).

Questa proposta verrà discussa, approvata o saranno prese in considerazione altre proposte nell’ultima riunione dell’anno se i club saranno presenti a maggioranza.

Essendo i club nella riunione del Raduno presenti a maggioranza tale proposta è stata confermata. 

Dispiace che tale decisione capiti in un anno in cui anche il Coordinamento Nazionale ha praticato l’aumento delle quote di affiliazione (10 gli junior e 18 gli adulti).

Le lamentele durante la riunione sono arrivate più sull’aumento della quota affiliazione che sull’euro da versare al Coordinamento Campano e di questo ringrazio tutti.

Dispiace che 2 richieste, una di Portici, che chiedeva di incontrare in un giorno qualsiasi della settimana Javier Zanetti anche per pochi momenti al Ristorante Botinero attende da oltre un anno una risposta e dispiace che l’I.C. Caserta che aveva richiesto solo la consegna a Milano di un quadro da parte di un Istituto Religioso non abbia avuto più riscontro.

Per contro non possiamo non sottolineare che durante questo anno abbiamo avuto miglioramenti sulla qualità dei biglietti, promozioni per i soci sul prezzo biglietto per alcune partite, la possibilità di ottenere la Todt tramite il CCIC, la stampa delle tessere club direttamente presso il CCIC, l’ingresso in campo per tanti bambini e già per il prossimo anno ci sono ottime promozioni sugli abbonamenti e la speranza è che la nuova dirigenza dia sempre maggior risalto ai tifosi organizzati, patrimonio di qualunque Società Sportiva.

Nella conclusione dell’anno sociale del Coordinamento che corrisponde al Raduno Finale verranno premiati con diplomi e piccoli segni di affetto: 

-L’Inter club Casoria sempre disponibile e collaborativo (ricordiamo che presso la loro sede viene recapitata tutta la dotazione kit del coordinamento.)

-L’Inter club Ottaviano per come amministra e gestisce il club e per l’impegno nel sociale.

-L’Inter club Portici, club giovane e r-esistente ed impegnato nel sociale.

-Pasquale Morra webmaster del sito del coordinamento campano

-L’Inter club Vairano Patenora per l’impegno profuso nell’organizzazione del 30° raduno.

-Raffaele Capuano prezioso collaboratore del coordinamento campano.

i collaboratori provinciali:
Enzo Vecchiarini, Salvatore De Simone, Gianfranco Florio, Alfredo De Girolamo e Francesco Luciano (I.C. Benevento), quest’ultimo subentra a Sandro Menna avendo maggiore disponibilità di tempo e possibilità di interagire via web, ma potrà sempre contare sull’aiuto del predecessore che resta anche per il Coordinamento Campano un preciso punto di riferimento per capacità, correttezza e precisione nello svolgere i compiti che fino ad oggi dal 1992 ha svolto ed a cui va il ringraziamento mio personale e di tutti i club del Beneventano e Campani.

Fra i club assenti ricorderò anche l’Inter club Casaluce che sarà assente ma che quest’anno è arrivato alla 16° edizione del Corri e Cammina a favore dell’AIRC di Napoli. 

Si chiude quindi quest’anno sociale che sportivamente non è stato certamente esaltante ma che ci ha visti sempre accanto alla Squadra del nostro cuore e ha visto comunque tanti… VIVERE IL CLUB, l’auspicio ovviamente è per un anno migliore in cui si raggiungano quei risultati che tutti auspichiamo.

W L’inter – W Gli Inter Club – W Il Coordinamento Campano
Adriana De Leva – Coordinatore Regionale

7 giugno 2015